mod_custom_adv2

Antichi sapori: dai prodotti tipici dell'Emilia Romagna, dalle ricette tradizionali, dalla cucina romagnola.
In Romagna, con la lavorazione artigianale di prodotti naturali, e solo prodotti di stagione, dal 2005 l'azienda Luvirie di Riccione produce specialità alimentari dalla cucina tradizionale e dai piatti tipici delle arzdore, le signore dei casolari romagnoli: prodotti agroalimentari tradizionali per aziende alimentari e vendita al dettaglio, eccellenza di gusti e sapori.
Specialità Luvirie per Abbinamenti Formaggi e Bolliti

 

Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2013 JoomlaWorks Ltd.

 


SPECIALITA' DI LUVIRIE: GLI ABBINAMENTI A FORMAGGI E BOLLITI
SALSE E CONDIMENTI TIPICI E NATURALI, PER ABBINAMENTI A FORMAGGIO, CARNE, PESCE, GELATO
I SAPORI SANI DI UNA VOLTA, NON SOLO ROMAGNOLI, ANCHE CREAZIONI ESCLUSIVE DI LUVIRIE

Ispirandosi alla passione della tradizione, Luvirie propone soluzioni per il condimento di carne e pesce, per l'accostamento a formaggi, pasta e verdure, con prodotti naturali e lavorati in modo artigianale che sappiano arricchire ogni pietanza, promuovendo i sapori sani e genuini della cucina tradizionale, in Emilia Romagna, in Italia e all'estero:

  • LA LUVIRIATA, una invenzione artigianale ed esclusiva di Luvirie, elaborato frutto della combinazione di ingredienti naturali, ideale per l'accostamento ad ogni formaggio, dai più morbidi ai più forti, con una dolcezza caramellata che non sazia, premiata come "prodotto di nicchia" in occasione dell'ultima edizione di TuttoFood, la fiera mondiale dell'alimentazione, a Milano nel maggio 2011;
  • LA PEPERINA DI PEPERONI, un'altra creazione esclusiva Luvirie, un'originale composta di peperoni caramellati, piccante ma non troppo, che si abbina splendidamente a carni e pesce bollito, verdure a vapore e soprattutto formaggi semi molli come Taleggio, Brie de Meaux, Robiole, Caprini;
  • ZENZERO CANDITO, che rende merito al profumo pungente e al sapore leggermente piccante dello zenzero con una lenta e paziente opera di caramellatura, rendendo un'eccellente soluzione nell'affiancamento alla ristorazione di mare, ai formaggi freschi dell'estate e alla carne come una Tartar o un Carpaccino di Manza femmina;
  • MOSTARDA BOLOGNESE CLASSICA, risultato di una lingua sperimentazione a partire da un vecchio libro di ricette delle "Sfogline" emiliane (le signore della casa, chiamate Arzdore in Romagna), utilizzata, secondo tradizione, come ripieno per la pinza o per i tortelli dolci o in accostamento a formaggi teneri di pecora o di mucca;
  • MOSTARDA CREMONESE PICCANTE, la più classica delle mostarde, nota in tutta Italia, prodotta artigianalmente da Luvirie con frutti naturali e di stagione, come avveniva un tempo tra estate ed autunno;
  • MOSTARDA MANGIAFUOCO, dove, primi al mondo dopo due anni di sperimentazioni, il peperoncino Haba Nero sostituisce l'aroma chimico della senape con l'effetto, essendo completamente naturale, di conservare il sapore piccante tutto sulla lingua e di mantenerlo inalterato fino alla scadenza del prodotto, anziché iniziare a perdersi dopo pochi mesi;
  • CIPOLLA CON BALSAMICO, nata dopo numerosissime prove come omaggio ad uno dei prodotti emiliano-romagnoli più conosciuti al mondo, è una specialità da accompagnare esclusivamente ai formaggi, dove con lavorazione naturale caramelliamo lentamente la cipolla rossa di Tropea, come si usa in pasticceria, aggiungendo infine l'aceto balsamico e lo zucchero;
  • FRAGOLE CON BALSAMICO, con le eccellenze della nostra Romagna, le fragole di Cesena, frutta tipica romagnola che esalta il suo sapore durante una lenta caramellatura a cui segue l'unione con l'aceto balsamico rendendo una consistenza cremosa dai pezzetti di fragola che si sentono sul palato e che si abbina benissimo ai formaggi ed è altrettanto piacevole sul gelato o con lo yogurt;
  • PEPERONI CON BALSAMICO, una felice intuizione godibilissima in abbinamento ai formaggi e alla carne bollita, frutto della unione tra peperoni (di produzione naturale, solo di stagione) e aceto balsamico, senza altri sapori che potrebbero aggredire il palato, oltre allo zucchero di canna, necessario al lungo processo artigianale di caramellatura;